Recensioni libri

Isaiah Berlin

Isaiah Berlin biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20379

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Isaiah Berlin
Isaiah Berlin
Modifica bioCronologia

Isaiah Berlin, russo inglese ebreo, come amava definirsi, era nato a Riga nel 1909. Da bambino si era trasferito con la famiglia a San Pietroburgo, dove era stato testimone della Rivoluzione bolscevica. Nel 1921 l?intera famiglia era emigrata in Inghilterra, dove Berlin ha potuto compiere i suoi studi. È stato professore di Teoria sociale e politica a Oxford e presidente della British Academy. È morto a Oxford nel 1997. Attento studioso del pensiero di Machiavelli, dell?Età illuministica e del Romanticismo, tra le sue opere più famose ricordiamo: Karl Marx: vita e ambiente (1939), Due concetti di libertà (1958; poi pubblicato in Quattro saggi sulla libertà, 1969), Vico e Herder (1976), Il riccio e la volpe (1986; originale Russian Thinkers, 1978), Il fine della filosofia (2002), Controcorrente (1979), Impressioni personali (1980), Il legno storto dell?umanità. Capitoli della storia delle idee (1990), Il mago del Nord: J.G. Hamann e le origini dell?irrazionalismo moderno (1993), Il senso della realtà (1996), Le radici del romanticismo (1999). L?aspetto più interessante della filosofia di Berlin è la riflessione sul concetto di libertà in ambito politico, tema presente nella lezione inaugurale del 1958 avente per tema i Due concetti di libertà. Sulle orme di Kant, egli distingue tra una libertà positiva (che è la libertà di: libertà di fare o di essere qualcosa) e una libertà negativa (che è libertà da: libertà dalle intrusioni altrui nel mio agire). La libertà positiva non è mera capacità di fare qualcosa: è, piuttosto, una forma di autodeterminazione, di agire in maniera non eterodiretta. La libertà positiva deriva dal desiderio dell?individuo di essere padrone di se stesso. A tutta prima, la libertà positiva e quella negativa possono sembrare alquanto vicine tra loro, nella misura in cui la prima si identifica con l?essere padroni di sé e la seconda si risolve nel non trovare ostacoli nelle proprie scelte: se però volgiamo lo sguardo alla storia, ci accorgiamo che queste due forme di libertà hanno avuto sviluppi ben diversi e, a ben vedere, conflittuali. Infatti, la libertà negativa è stata propugnata dai politici liberali, quella negativa dai socialisti. Si tratta però, rileva Berlin, di tentare di coniugare queste due forme di libertà, storicamente confliggenti. Oltre che strenuo difensore della libertà, Berlin è anche difensore del pluralismo: saldamente convinto dell?impossibilità di determinare univocamente che cosa si debba fare o evitare, il nostro autore è contrario a ogni forma di autoritarismo e a ogni tipo di uniformità imposta dall?alto (dalla Chiesa, dallo Stato, dal Partito, ecc.). Forte di questa convinzione, egli si propone di difendere ? in sintonia coi liberali ? il diritto degli individui ad autogestirsi. Per questo motivo, egli è alfiere di una visione pluralistica del mondo, fondata sul concetto di molteplicità irriducibile di modi di vivere e di pensare. Berlin ama ricordare un verso dell?antico poeta Archiloco: ?la volpe sa molte cose, ma il riccio ne sa una grande?. Gli studiosi hanno sempre letto questo verso in maniera banale: la volpe, pur essendo infinitamente più astuta, viene sconfitta dall?unica difesa di cui il riccio dispone. In opposizione a questa lettura scontata, Berlin ne propone un?altra, più profonda: l?immagine del riccio e della volpe può essere assunta come metafora delle più profonde differenze che distinguono gli individui; di questi, infatti, alcuni (i ?ricci?) riferiscono ogni cosa a una visione centrale, a un sistema coerente e articolato, dotato di regole ben precise; altri (le ?volpi?), invece, perseguono molti fini, non di rado disgiunti e contraddittori, mancanti di un principio morale o estetico. Questa seconda tipologia di individui ? dice Berlin ? compie azioni ?centrifughe?, non ?centripete?, poiché il loro pensiero di muove su parecchi piani e coglie una varietà di esperienze e di temi senza riportarli a una visione immutabile. Grandi artisti che hanno agito da ?ricci? sono ? così dice Berlin in Il riccio e la volpe ? Dante, Platone, Lucrezio, Pascal, Hegel, Dostoevskij, Nietzsche, Ibsen, Proust; simili alle volpi, invece, sono stati Shakespeare, Erodoto, Aristotele, Erasmo, Molière, Goethe, Puskin, Balzac, Joyce, Montaigne. I ricci sono monisti, le volpi sono pluraliste. Berlin ha indagato in sede sia storico-politica sia teorico-psicologica l?atteggiamento della volpe e del riccio, mettendo in luce come la tentazione monistica (del riccio) è vecchia quanto l?uomo e poggia sull?esigenza di superare la scissione ? che l?uomo avverte sempre di nuovo in sé ? attraverso la ricomposizione di una totalità pacificata. La concezione del riccio si sostanzia di due grandi convinzioni: a) che il reale sia unitario e che, in ultima analisi, i fenomeni siano riconducibili a tale unitarietà (con la scienza, la metafisica, la religione, ecc); b) che esista una ?situazione finale? in grado di appianare tutti i problemi e di conferire un?unità decisiva a tutti i valori. Più in generale, il monismo del riccio (identificabile ora con la teologia, ora col socialismo, ora col platonismo, ora con certo illuminismo) poggia sul presupposto che le vere domande abbiano una risposta soltanto, che la strada per giungere alla verità sia una e che tutte le verità parziali siano compatibili fra loro e vadano a formare un?unica, grande verità. Al contrario, il pluralismo della volpe ha come suoi tratti distintivi: a) la convinzione che non l?unità, bensì la pluralità rappresenti l?essenza del mondo; b) il rifiuto di ogni situazione finale capace di garantire la soluzione armonica di tutti i problemi e di tutti i conflitti valoriali. In quanto legato a esigenze archetipiche, il monismo è assai più diffuso del pluralismo e mira alla ricerche di certezze unitarie, in grado di conferire un fondamentale senso di sicurezza. Alla luce di questi presupposti, Berlin instaura un parallelismo tra monismo e agorafobia, ovvero tra la ricerca filosofica dell?unità e la ricerca nevrotica di un luogo chiuso e rassicurante. Al contrario, il pluralismo è non di rado il frutto di una claustrofobia storica, vale a dire di una condizione di conformismo e di ristagno intellettuale che genera richieste di maggiore luce e si traduce in una rottura con le vecchie fedi e con le vecchie istituzioni. Scrutando le vicende dei ricci monisti e delle volpi pluraliste, Berlin non esita ad addossare al monismo la responsabilità per le feroci dittature che hanno caratterizzato il XX secolo: in particolare, l?assunto da cui esse sono scaturite ? e che è tipico del monismo ? è quello secondo cui, da qualche parte e in qualche momento, possa esserci una soluzione finale in grado di risolvere tutti i problemi. In forza di questa considerazione, Berlin è convinto che il nostro tempo abbia bisogno non già di fedi o di certezze scientifiche, bensì di un minor grado di formalismo monastico e di zelo messianico: in altri termini, ciò di cui abbiamo bisogno oggi è lo scetticismo, sapientemente unito a una buona dose di tolleranza. A tal proposito, l?adagio del perfido Talleyrand ? ?sourtout pas trop de zèle? ? suona assai più auspicabile e più umano rispetto alla pericolosissima pretesa di uniformità del virtuoso Robespierre, specialmente in un?epoca di avanzato sviluppo tecnologico capace di produrre strumenti di distruzione.

Isaiah Berlin I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Isaiah Berlin?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Isaiah Berlin
Karl Marx: Sein Leben Und Sein Werk
Karl Marx: Sein Leben Und Sein Werk
Uma Mensagem Para O Século XXI (Em Portugues do Brasil)
Uma Mensagem Para O Século XXI (Em Portugues do Brasil)
El sentiodo de la realidad: Sobre las ideas y su historia
El sentiodo de la realidad: Sobre las ideas y su historia
Sobre el nacionalismo: Textos escogidos
Sobre el nacionalismo: Textos escogidos
Zdradzona wolność: Jej sześciu wrogów
Zdradzona wolność: Jej sześciu wrogów
De egel en de vos: een essay over Tolstojs geschiedfilosofie
De egel en de vos: een essay over Tolstojs geschiedfilosofie
Joseph de Maistre y los orígenes del fascismo
Joseph de Maistre y los orígenes del fascismo
Karl Marx
Karl Marx
The Sense of Reality: Studies in Ideas and Their History
The Sense of Reality: Studies in Ideas and Their History
Le Hérisson et le Renard : Essai sur la vision de l'histoire de Tolstoï: 76
Le Hérisson et le Renard : Essai sur la vision de l'histoire de Tolstoï: 76
The Hedgehog and the Fox: An Essay on Tolstoy's View of History
The Hedgehog and the Fox: An Essay on Tolstoy's View of History
Libertà
Libertà
Controcorrente. Saggi di storia delle idee (Saggi. Nuova serie)
Controcorrente. Saggi di storia delle idee (Saggi. Nuova serie)
L'età romantica. Alle origini del pensiero politico moderno (Saggistica)
L'età romantica. Alle origini del pensiero politico moderno (Saggistica)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Quando le montagne cantano
[26-08-2021]
C'era una volta il re fiamma
[24-08-2021]
La ragazza del treno
[17-08-2021]
Gianluca Gotto, nomade digitale
[14-08-2021]
L'ora più fredda
[13-08-2021]
Nomadland
[12-08-2021]
Mio fratello rincorre i dinosauri
[11-08-2021]
Old
[11-08-2021]
Leggi le altre News


Autori e film 17/10/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana