Recensioni libri

Linus Pauling

Linus Pauling biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20342

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Linus Pauling
Linus Pauling
Modifica bioCronologia

Linus Carl Pauling nacque a Portland, Oregon, USA, il 28 febbraio del 1901. Cominciò a leggere moltissimo fin da bambino e dopo aver visto alcuni esperimenti di chimica effettuati da un amico decise che sarebbe diventato un chimico. Grazie anche alla sua attitudine allo studio riuscì ad essere ammesso alla Oregon State University a soli 16 anni. Suo padre era morto nel 1910 perciò Linus Pauling dovette darsi da fare per mantenersi agli studi lavorando per l’università in aula e in laboratorio. Nel 1922 si laureò in ingegneria chimica e continuò gli studi al Caltech di Pasadena, dove ottenne il Ph.D in chimica fisica e fisica matematica nel 1925. All’università conobbe Ava Helen Miller, che divenne sua moglie: assieme ebbero quattro figli. Nel corso della sua carriera Pauling si dedicò molto alla chimica quantistica applicando la fisica quantistica nella determinazione della struttura delle molecole e della natura dei suoi legami. Tra le sue scoperte c’è il concetto di affinità chimica, inoltre compilò la più conosciuta tra le scale di elettronegatività. Le sue ricerche riguardarono anche la biochimica: in particolare i suoi studi sull’emoglobina furono importanti anche per comprendere la natura di malattie come l’anemia falciforme. Francis Crick, uno degli scopritori del DNA, riconosce in Pauling il padre della biologia molecolare. Nel 1954 ricevette il premio Nobel per la chimica per la sua ricerca sulla natura dei legami chimici e per le sue ricerche per la comprensione della struttura di sostanze complesse. Linus Pauling viene anche ricordato per il suo attivismo pacifista. Nel 1946 aderì all’Emergency Committee of Atomic Scientists guidato da Albert Einstein, che aveva lo scopo di sensibilizzare la gente sui pericoli della proliferazione nucleare. Erano gli anni bui del maccartismo e posizioni non apertamente patriottiche attiravano critiche. I più gentili lo tacciavano di ingenuità ma c’era chi lo accusava di essere complice dei comunisti. Nel 1952 gli venne negato il passaporto, che gli venne restituito solo due anni dopo. Nel 1955, assieme ad Einstein, Bertrand Russell e ad altri scienziati firmò il Russell-Einstein Manifesto per poi aderire, tre anni dopo, ad un’iniziativa che portò ad una ricerca che mostrò i rischi che i test nucleari di superficie causavano alla salute pubblica in seguito alla contaminazione del territorio e delle forme di vita investite dalla caduta di elementi radioattivi. Linus Pauling e sua moglie presentarono all’ONU una petizione firmata da oltre undicimila scienziati che chiedeva la sospensione dei test nucleari che portò nel 1963 ad un accordo internazionale che sospendeva i test di superficie. Per questo motivo a Pauling venne assegnato il premio Nobel per la pace. Lo scienziato continuò nel suo attivismo in vari modi: nel 1974 fu tra i fondatori dell’International League of Humanists e fu presidente della commissione scientifica della World Union for Protection of Life. Nel corso degli anni si avvicinò sempre più alle posizioni dell’umanesimo e negli ultimi anni di vita si dichiarò apertamente ateo. Morì il 19 agosto 1994 a causa di un tumore alla prostata. Recentemente negli ambienti governativi USA qualcuno ha fatto in qualche modo ammenda per il modo in cui Linus Pauling era stato trattato. Ad esempio le poste americane nel 2008 hanno rilasciato un francobollo in suo onore e il governatore della California Arnold Schwarzenegger lo ha introdotto nella California Hall of Fame del California Museum for History, Women and the Arts. I tempi sono davvero cambiati rispetto a quelli della guerra fredda perciò dopo la sua morte Pauling è stato inserito nella lista dei venti scienziati più grandi di tutti i tempi dalla rivista New Scientist, che lo ha descritto come uno dei più grandi pensatori e visionari del millennio. Indubbiamente ha influenzato le successive generazioni di chimici e biologi e con il suo attivismo ha contribuito a rendere il mondo un po’ meno pericoloso con una visione pacifista di cui avremmo ancora bisogno.

Linus Pauling I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Linus Pauling?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Eugenio Barba e Julia Varley a incontri possibili
[08-04-2021]
Più libri più liberi torna a Roma dal 4 all’8 dicembre
[07-04-2021]

[11-03-2021]
Incontri possibili con Paola Barbato
[25-02-2021]
Primitivo la nuova personale di Simone Cametti
[14-01-2021]
Festival Bach Montreal 2020
[26-11-2020]
Grande successo del Festival Insieme
[05-10-2020]
L’AMO, LA LETTURA
[30-09-2020]
Leggi le altre News


Autori e film 21/06/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana