Recensioni libri

Ranuccio Bianchi Bandinelli

Ranuccio Bianchi Bandinelli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Ranuccio Bianchi Bandinelli
Ranuccio Bianchi Bandinelli
Modifica bioCronologia

Ranuccio Bianchi Bandinelli - Archeologo e uomo politico (Siena, 1900 - Roma, 1975). La vicenda biografica di Bianchi Bandinelli si presenta come un costante e complesso intreccio tra la sua attività scientifica di studioso e di storico dell'arte antica e il suo impegno di operatore culturale e militante politico. Come archeologo e critico d'arte ha lasciato una mole di opere veramente imponente ed è da considerare senza dubbio tra i personaggi più illustri del secolo, nella sua materia, a livello internazionale; come politico fu, dal suo punto di vista, disinteressato e coerente, e per questo degno del massimo rispetto. Di famiglia patrizia senese, Ranuccio studiò dapprima nella sua città, per poi laurearsi in Lettere a Roma nel 1923, con tesi sulla Archeologia. E' del periodo giovanile il ritrovamento, da parte sua, dell'ultima statua marmorea del «Mangia», l'automa che batteva le ore sulla Torre del Palazzo Pubblico di Siena, tolto nel 1780, che egli rinvenne, abbandonato e mezzo sotterrato, in un campo della Provincia Senese; egli fece dono della statua al Comune di Siena che, nel 1927, la colloco nel cortile del Palazzo Pubblico, dove si trova anche oggi. Il Bianchi Bandinelli fu poi Professore incaricato di Archeologia e Storia dell'arte greca e romana nella Università di Cagliari (1929-30), straordinario della stessa materia nella Università di Groningen (1930-33), e ordinario nell'Università di Pisa (1934-38). Nel 1935 fondò la rivista «Critica d'arte», che diresse fino al 1942, attraverso la quale, prendendo le mosse dal Croce, segno un profondo rinnovamento negli studi sull'arte classica, superando la fase filologica e archeologica in una valutazione storico-estetica dell'opera d'arte e dell'artista. Dal 1938 iniziò la pubblicazione dei «Quaderni per lo studio dell'architettura». Nel 1939 passo ad insegnare nella Università di Firenze, da cui si dimise però nel 1943 per non servire la Repubblica di Salo; in seguito a questo gesto, venne arrestato dai nazifascisti nell'aprile-maggio 1944. E' proprio nel periodo 1943-45 che egli matura le sue scelte politiche, che si traducono in aperto appoggio alla Resistenza e in adesione al Partito Comunista Italiano (settembre 1944). Frattanto, nel 1943, egli aveva pubblicato il suo libro forse più importante: «Storicità dell'arte classica» (2 ediz. 1950). Dopo la liberazione venne reintegrato nel ruolo e riprese l'insegnamento. Nel 1945 fondò anche la rivista politico-letteraria «Società», di cui restò Direttore fino al 1948. Ancora nell'aprile 1945 ebbe l'incarico di Direttore Generale delle Antichità e Belle Arti, da cui si dimise nel 1947, per protesta verso l'inerzia burocratica e la colpevole connivenza degli organi governativi nei confronti della progressiva distruzione del patrimonio artistico italiano. Nello stesso anno divenne socio nazionale dell'Accademia dei Lincei e dal 1947 al 1950 insegnò nell'Università di Cagliari. Nel 1948 il Bianchi Bandinelli pubblica il «Diario di un borghese», in cui descrive, autobiograficamente, il passaggio di un intellettuale antifascista dal liberalismo al comunismo. Egli passa poi ad insegnare nella Università di Firenze (1950-57), e poi in quella di Roma (1957-64), da cui però ancora si dimette, per protesta verso la mancata riforma dell'ordinamento universitario. Frattanto, nel periodo 1959-63, è membro del Consiglio Superiore delle Antichità e Belle Arti. Nel periodo 1958-66 è Direttore di redazione presso l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana, e realizza la «Enciclopedia dell'Arte Antica, Classica e Orientale», di cui completa personalmente numerose voci, ed alla quale collabora anche Giovanni Becatti. Nel periodo 1961-64 Ranuccio pubblica gli « Studi Miscellanei» del seminario di Architettura e Storia greca e romana; dal 1965 dirige la «Biblioteca Storica dell'Antichità»; nel 1967 fonda, insieme a un gruppo di giovani studiosi, la rivista «Dialoghi di Archeologia». Numerosissime sono anche le pubblicazioni posteriori a questa data. Tra l'altro, citiamo: «Rome. La fin de l'art antique» (1970); «Rome. Le centre du pouvoir» (1971); «Les Etrusques et l'Italie avant Rome» (1972, in collaborazione con A. Giuliano). Altrettanto numerosi sono i riconoscimenti internazionali attribuitigli: Dottore «honoris causa» delle Università di Jena, di Berlino Est e di Bruxelles; socio straniero e corrispondente delle Accademie delle Scienze dell'U.R.S.S. e della Polonia, della Deutsche Akademie der Wissenschaften di Berlino, dell'Institut de France (Academic des Inscriptions), della K. Akademie van Wetenschaffen d'Olanda, della Norske Videnskaps-Akademi di Oslo, della Pontificia Accademia Romana di Archeologia; insignito della «Serena Medal» della British Academy di Londra. Come momento di impegno politico più specifico, sono da ricordare la presidenza dell'Istituto Gramsci, attivamente tenuta per lunghi anni, l'attività svolta come membro del Comitato Centrale e della Commissione Centrale di Controllo del Partito Comunista, e il notevole apporto dato alla stampa controllata dal P.C.I., in particolar modo a «Rinascita», «Il contemporaneo» e «L'Unità». Sul piano più strettamente locale, decisiva fu la sua collaborazione al piano regolatore del Comune di Siena, di cui fu Consigliere dal 1951 al 1956, come pure la sua partecipazione, dal 1971, ai lavori della Commissione Beni Culturali della Regione Toscana. La morte lo colse il 17/1/1975, interrompendo bruscamente il suo prezioso lavoro, portato avanti, con fermo stoicismo, pur nella consapevolezza della gravità del male da cui era afflitto.

Ranuccio Bianchi Bandinelli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Ranuccio Bianchi Bandinelli?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 20/04/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana