Recensioni libri

Raymond Queneau

Raymond Queneau biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Raymond Queneau
Raymond Queneau
Modifica bioCronologia

Raymond Queneau nacque a Le Havre il 21 febbraio 1903 e morì a Parigi nel 1976. Laureatosi in filosofia, fra il 1924 e il 1929 partecipò attivamente al movimento surrealista. Redattore della casa editrice Gallimard a partire dal 1938, ebbe un ruolo di spicco nella cultura dell'antifascismo europeo, entrando nel 1944 nel direttivo del Comitato nazionale degli Scrittori (C.N.E.), nato negli ambienti della Resistenza francese. Eletto all'Académie Goncourt nel 1951, tre anni dopo divenne direttore dell'Encyclopédie de la Pléiade. Fu appassionato di matematica, linguistica, letteratura, psicoanalisi.
Esordì nel 1933 col romanzo Il pantano (Le chiendent, 1933) che ebbe un immediato successo di critica e di pubblico, seguito da Gola di pietra (1934), Gli ultimi giorni (1936), Odile (1937) racconto dedicato alle esperienze surrealiste. Nel 1937 pubblicò il poema (o "romanzo in versi") Quercia e cane (Chêne et chien, 1937) dedicato alle proprie esperienze psicoanalistiche, ma tornò subito alla prosa con vari romanzi e racconti, fra i quali Un rude inverno (1939), Pierrot amico mio (Pierrot mon ami, 1942), Esercizi di stile (Exercises de style, 1947) in cui un fatto di cronaca è raccontato in 99 modi diversi, La domenica della vita (1952), Zazie nel metrò (Zazie dans le métro, 1959), I fiori blu (Les fleurs blueus, 1965), Icaro involato (Le vol d'Icare, 1968). Importanti anche le poesie di Piccola cosmogonia portatile (Petite cosmogonie portative, 1950), Il cane col mandolino (Le chien à la mandoline, 1958), In giro per le strade (Courir les rues, 1967), Morale elementare (Morale élémentaire, 1975).
La produzione antecedente la seconda guerra mondiale, mostra, all'interno di una prevalenza di interesse esistenziale (anche con toni populistici), un crescente interesse per la meta-letteratura, ovvero per la pratica letteraria come terreno di oggettiva relatività dei segni linguistici. E' un processo che lo porta, negli anni successivi, a sciogliere le durezze sperimentaliste nella direzione di una scrittura più libera e fantastica, densa di implicazioni gnoseologiche, in cui il suo retroterra culturale erudito ed eclettico gioca con lo humour nero e surrealista, e con l'ironia dialettica di tradizione razionalista. Il suo è un relativismo radicale, che fa leva sulla scoperta della casualità dei linguaggi.
Nel 1960 fondò l'"Ouvroir de littérature potentielle" (Oulipo), che divenne ben presto un importante punto di riferimento per la sperimentazione letteraria europea. A partire dagli anni Cinquanta lavorò attivamente nel cinema come ideatore, sceneggiatore e qualche volta anche come attore.

Da Antenati

Raymond Queneau I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Raymond Queneau?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Raymond Queneau
Il diario intimo di Sally Mara
Il diario intimo di Sally Mara

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 23/02/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana