Autore Topic: Che cosa ne diresti di dormire insieme ?  (Letto 54 volte)

Doxa

  • Pucca yo yo
  • *
  • Post: 2349
  • Karma: +37/-15
    • Mostra profilo
Che cosa ne diresti di dormire insieme ?
« il: Novembre 16, 2022, 19:29:27 »
A Milano, nel teatro Carcano, da domani (17 novembre) l’attrice Lella Costa e l’attore Elia Schilton, recitano “Le nostre anime di notte”, adattamento teatrale  tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore statunitense Alan Kent Haruf (1943 – 2014).

E’ la storia di un uomo,  Louis Waters, e una donna, Addie Moore,  in età avanzata, entrambi vedovi e soli che vivono ad Holt, una piccola città immaginata da Haruf, nel Colorado.

Spesso  non hanno con chi parlare. I figli sono lontani e gli amici latitano.

Per vincere  la loro solitudine i due iniziano a frequentarsi a casa di Addie di sera.

In una di quelle sere lei gli dice:  “Verresti qualche volta a dormire da me ?” La proposta spiazzante di Addie  è forse scandalosa ma diretta, e lascia Louis molto sorpreso. Solo una donna può avere tale coraggio. Un uomo forse può chiederle di fare sesso, ma soltanto dormire insieme ….

I due anziani decidono di dormire nello stesso letto a due piazze, troppo grande per una sola persona. E la notte è lunga: quando si è vecchi si dorme poco e tanti “fantasmi” vengono a visitarti.

Addie ha bisogno di ingannare quelle ore di oscurità, di parlare e raccontarsi. Meglio con qualcuno capace di ascoltarti, magari di prenderti la mano nel buio. I due si riconoscono nelle inattese sintonie che diventano sentimento  amoroso.

Ma l’amore dei vecchi non è ammesso. La gente parla, sparla, s’indigna.  Il loro atipico rapporto fa scalpore ad Holt.

Figli e nipoti  della coppia dopo aver saputo della relazione, sospettando chissà che, si mettono di mezzo per porre fine a quel legame “scandaloso”. Ma non vinceranno.

La reciproca compagnia è piacevole. Un piacere ineffabile, da riscoprire da vecchi.

Tra le pagine di questo romanzo in molti hanno sentito la fretta dell’autore nel terminare il racconto, una fretta determinata dalla sua malattia che lo avrebbe condotto alla morte poco dopo aver consegnato questo  romanzo all’editore.

“L’amore non si manifesta col desiderio di fare l’amore, ma col desiderio di dormire insieme”: scritta da Milan Kundera, è una delle più belle frasi d’amore su questo argomento, che spiega come dormire insieme sia un gesto di  intimità tra due persone, ancora di più che fare sesso.



Dormire insieme è una prova d’amore? Dormendo insieme si mette alla prova la nuova coppia  ed è la dimostrazione di reciproca fiducia.

Si accetta infatti di restare incoscienti in balia di qualcuno che può scegliere se proteggerci, rassicurarci o approfittarne per farci del male.  Per qualcuno, dormire insieme è più intimo che fare l'amore.