Recensioni libri

News della settimana
26 Agosto
24 Agosto
17 Agosto
14 Agosto
13 Agosto
12 Agosto
11 Agosto

Archivio News
Agosto 2021
Aprile 2021
Marzo 2021
Febbraio 2021
Gennaio 2021
Novembre 2020
Ottobre 2020
Settembre 2020
Giugno 2020
Maggio 2020
Aprile 2020
Marzo 2020
Febbraio 2020
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Luglio 2016
Luglio 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Luglio 2013
Maggio 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Novembre 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005

Ottobre 2021
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
             

Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Zam news

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

Carlo Bernari tra napoletanità e neorealismo [13-10-2009]


Cento anni addietro, il 13 ottobre del 1909, nasceva a Napoli Carlo Bernari (pseudonimo di Carlo Bernard), uno dei maggiori narratori meridionalisti e un precursore del Neorealismo. La sua famiglia era di origine francese: il padre dirigeva un’azienda per la tintura dei tessuti. Adolescente difficile e ribelle, ebbe una giovinezza inquieta: assolutamente inadatto alle regole scolastiche, fu espulso da tutte le scuole conducendo studi da autodidatta. La sua autonoma formazione culturale si mosse tra lo storicismo crociano e l’ideologia socialista ma grande fu la sua attenzione alle avanguardie europee: fra il 1930 e il 1932 Bernari era stato in Francia ove era venuto in contatto con Bréton, Aragon, Eluard. Ha scritto Giuseppe Giacalone: «Questo soggiorno parigino ebbe una notevole importanza per la genesi della sua prima opera importante, “Tre operai” (1934): certa spavalderia sintattica appartiene indubbiamente a quel generale sentimento di spregio per le norme costituite, per le grammatiche chiuse; lo stesso per quanto attiene alle spericolatezze avanguardistiche che non arretravano davanti a qualsiasi contaminazione; e così pure per quel clima etico-politico che l’antifascismo in esilio restituiva all’Italia dalle rive della Senna.».
Ingiustamente dimenticato, Bernari ha tracciato un solco indelebile nella letteratura italiana del Novecento con i suoi temi che gravitavano intorno al “fallimento sociale ed esistenziale” e alla sconfitta morale e materiale dei suoi velleitari protagonisti soffocati nelle loro speranze individuali (ha creato quasi un “ciclo dei vinti” alla maniera verghiana), con la sua rappresentazione dei grandi centri urbani e degli ambienti della provincia, con la sua lettura socio-economica della realtà, con la crisi del mondo contadino e l’innovazione industriale, con il contrasto nord-sud e la tragica “diaspora” della popolazione meridionale. Come ha scritto Ettore Janulardo, il suo capolavoro “Tre operai” ha costituito «un momento importante nel rapporto tra letteratura e ideologia, sia sul piano dei contenuti narrativi sia per essere stato veicolo di tensioni culturali...» (a proposito della scrittura di Bernari, Janulardo ha parlato di «valenza pittorico-visiva, dal taglio cinematografico ed espressionistico... pennellate geometriche, pastose e tenebrose, corrispondenti alle tracce figurative consacrate da Sironi alla periferia milanese... capacità dell’autore di fare di Napoli un luogo dello straniamento»). In questo romanzo Bernari rappresenta i «paesaggi interiori» di quella che definiva «la terza Napoli», città industriale piena di magagne; così scriveva: «Il nostro nerofumo, quando si spande sui mesti bucati stesi tra balcone e balcone, non è più allegro del nerofumo che si posa sui tetti del suburbio di Lilla, di Anversa o di Berlino.». Ha osservato Giacalone: «Il dramma del dopoguerra gli appariva come dramma comune di tutti i popoli... Diversamente dalla letteratura napoletana d’altri tempi che si risolveva tutta nel comico, questa di Bernari si esprime in una presa di coscienza dolorosa della realtà e della situazione di fatto in cui i personaggi napoletani vivono e soffrono, pur nella loro apparente ilarità, in una condizione grave di miseria... egli è soprattutto una mente critica, pensosa di problemi umani e sociali, che ha trovato nella Napoli fascista e del dopoguerra il teatro onde presentare la sua umanità e la sua visione della vita...» (visione di vita controcorrente, perché quello era il tempo del vuoto dannunzianesimo!).
All’inizio degli anni ’50, la sua napolitanità si trasforma in meridionalità, e nei suoi libri si fa forte la componente amorosa (la donna, con la sua ricchezza di femminilità e maternità, diviene il perno dei suoi romanzi). Pierfranco Bruni lo considera «scrittore che ha scavato nella psicologia degli amori e delle passioni. Amore-passione, amore-amante costituiscono i codici di un paesaggio sentimentale in cui l’amore stesso vive tra disillusioni, disamori e condizionamenti». Stupende pagine di letteratura d’amore ritroviamo in “Domani e poi domani” (1957) - storia della passione impossibile per una ragazza del vecchio Monaco, che come in un soliloquio continuo riflette sul suo destino e sugli anni da vivere nel sogno vano di una nuova giovinezza - e in “Amore amaro” (1958), storia della bellissima e anziana vedova Renata, amata disperatamente dal giovane Ugo ma piena di pregiudizi borghesi, in lotta con la differenza d’età e la presenza di un figlio fisicamente segnato e moralmente infelice che convincerà Ugo ad allontanarsi da lei. Ha scritto Mauro: «Libro impegnativo sul piano psicologico, proprio laddove aveva dimostrato una certa carenza di approfondimento, a vantaggio dell’indagine storica: nel ricambio poi di crudeltà e pietà, e nel distendersi di questo rapporto, Bernari ha rivelato forti e coscienti doti di narratore: essendo riuscito a cogliere, nella caducità dei rapporti umani, il disperato contrasto della vita.».
Morì a Roma il 22 ottobre del 1992.
Si è detto di lui: «scrittore realista ma soprattutto scrittore dell’incanto dei personaggi che raccontano gli amori»; e i critici hanno dato una interpretazione non soltanto realista ma anche estetico-simbolica dei suoi testi «richiamando eredità che riportano a Giuseppe Marotta, Carlo Levi, Corrado Alvaro e Thomas Mann» (tra l’altro, Bernari aveva scritto un saggio su Corrado Alvaro nel 1957 e sulla rivista “Paragone” nel 1966 aveva pubblicato “Mann e noi”).


Di Silvia Iannello

Torna alla pagina delle news
 


Top 20


L'ultima recensione

Rocco Civitarese
Giaguari invisibili

Pietro, Giustino e Davide sono iscritti all'ultimo anno di liceo. Si trovano in quell'attimo unico in cui si deve scegliere il proprio futuro, ma a dettare legge sono i primi amori, lo scoprimento del sesso, il semplice fatto di essere diciottenni. La loro è l'età agitata e straordinaria, senza comp
 Continua ...