Recensioni libri

Dietro le Facce del Male. Victoria Kielland ci porta in un Viaggio nell'emotivitÓ di Belle Gunness

Pubblicato il 13-05-2024



Dopo un incendio alla Fattoria Gunness, furono scoperti i corpi carbonizzati di tre bambini e di una donna senza testa, suscitando grande attenzione sui giornali americani all'inizio del XX secolo. Lo sceriffo sospettava che la donna decapitata fosse Belle Gunness, proprietaria della fattoria, ma in seguito si scoprý che il corpo non le apparteneva. La vera identitÓ della donna rimase sconosciuta, cosý come il destino di Belle Gunness dopo l'incendio.

Prima di trasferirsi negli Stati Uniti, Belle Gunness, originaria della Norvegia con il nome di Brynhild Paulsdatter St°rseth, lavorava come domestica con speranze di una vita migliore. Questo periodo della sua vita Ŕ esplorato nel romanzo "I miei uomini" della scrittrice Victoria Kielland.

Victoria Kielland. nata nel 1985, da Fredrikstad e residente a Oslo, si Ŕ interessata alla storia di Belle Gunness e ha deciso di scrivere un romanzo su di lei. Kielland voleva esplorare l'aspetto emotivo del serial killer, andando oltre la sua rappresentazione popolare come semplice mostro.

Victoria Kielland.ha impiegato tre anni per scrivere il suo libro di 198 pagine su Belle Gunness, principalmente sul suo cellulare, durante i suoi spostamenti in metropolitana, durante eventi sociali o nei momenti liberi mentre lavorava come receptionist presso la Biblioteca Nazionale. "I miei uomini" Ŕ stato pubblicato in Norvegia nell'estate del 2021 e ha ricevuto recensioni entusiastiche in tutto il mondo. Dagbladet lo ha definito "straordinariamente bello" e gli ha assegnato un punteggio di 6 su 6, mentre Vňrt Land lo ha descritto come "accattivante, caratteristico e scritto in modo fantastico". Morgenbladet ha elogiato Victoria Kielland.come una delle migliori giovani scrittrici norvegesi.

Nel libro, la maggior parte dei personaggi, luoghi ed eventi sono basati su fonti storiche, mentre il resto Ŕ frutto della fantasia dell'autrice. Kielland stessa scrive nell'ultima pagina che "'I miei uomini' Ŕ una fantasia letteraria, liberamente ispirata a fatti realmente accaduti".

La storia di Belle Gunness ha inizio nel 1876 nella fattoria di R°dde a Stj°rdal, dove lavora come domestica e si chiama Brynhild. Dopo un tragico evento, viaggia negli Stati Uniti dove adotta il nome di Belle e sposa Mads S°rensen. Tuttavia, le persone intorno a Belle iniziano a morire misteriosamente, portando Kielland a esplorare il tema della rabbia femminile nei suoi libri. Kielland riflette sul fatto che mentre la rabbia maschile spesso deriva dall'istinto di caccia, quella femminile Ŕ pi¨ spesso legata alla follia.

Nessuno sa con certezza chi sia stata la prima vittima di Belle Gunness. Due dei suoi figli adottivi muoiono prematuramente, mostrando sintomi di avvelenamento. Nel 1900, convince il marito a stipulare una nuova assicurazione sulla vita e, il giorno in cui ha entrambe le polizze, lui muore. Anche se si sospetta un avvelenamento, un medico ritiene che la morte sia naturale, consentendo a Belle di ricevere un grosso premio assicurativo. Con i soldi, acquista una grande fattoria a sud-est di Chicago. Nel 1902 sposa un nuovo norvegese-americano, Peder Gunness, che muore poco dopo in circostanze sospette. Belle spiega alla polizia che Ŕ stato colpito da un tritacarne caduto da uno scaffale sulla testa, una spiegazione che viene accettata e le permette di ottenere un altro premio assicurativo.

Dopo la morte del secondo marito, Belle inizia a scrivere centinaia di lettere d'amore, dando inizio a un nuovo capitolo della sua vita.

Belle Gunness Ŕ considerata la prima serial killer donna nella storia degli Stati Uniti. Oltre ad aver ucciso pi¨ di 40 uomini, ha anche ucciso i suoi stessi figli adottivi. Nonostante le sue azioni siano ritenute orribili e inaccettabili, l'autrice Victoria Kielland.ha cercato di non giudicare Belle come buona o cattiva, ma piuttosto di esplorare l'esperienza umana di qualcuno che si Ŕ trovato nel baratro.


I miei uomini

Torna alla pagina delle news

Archivio News
Giugno 2024Maggio 2024Aprile 2024Marzo 2024Febbraio 2024
Gennaio 2024Marzo 2023Febbraio 2023Gennaio 2023Dicembre 2022
Maggio 2022Aprile 2022Marzo 2022Gennaio 2022Agosto 2021
Aprile 2021Marzo 2021Febbraio 2021Gennaio 2021Novembre 2020
Ottobre 2020Settembre 2020Giugno 2020Maggio 2020Aprile 2020
Marzo 2020Febbraio 2020Settembre 2018Agosto 2018Luglio 2018
Giugno 2018Maggio 2018Aprile 2018Marzo 2018Febbraio 2018
Gennaio 2018Luglio 2016Luglio 2014Maggio 2014Aprile 2014
Marzo 2014Febbraio 2014Luglio 2013Maggio 2013Marzo 2013
Febbraio 2013Novembre 2012Luglio 2012Giugno 2012Maggio 2012
Aprile 2012Marzo 2012Febbraio 2012Gennaio 2012Dicembre 2011
Novembre 2011Ottobre 2011Settembre 2011Agosto 2011Luglio 2011
Giugno 2011Maggio 2011Aprile 2011Marzo 2011Febbraio 2011
Gennaio 2011Dicembre 2010Novembre 2010Ottobre 2010Settembre 2010
Luglio 2010Giugno 2010Maggio 2010Aprile 2010Marzo 2010
Febbraio 2010Gennaio 2010Dicembre 2009Novembre 2009Ottobre 2009
Settembre 2009Luglio 2009Giugno 2009Maggio 2009Aprile 2009
Marzo 2009Febbraio 2009Gennaio 2009Dicembre 2008Novembre 2008
Ottobre 2008Settembre 2008Agosto 2008Luglio 2008Giugno 2008
Maggio 2008Aprile 2008Marzo 2008Febbraio 2008Gennaio 2008
Dicembre 2007Novembre 2007Ottobre 2007Settembre 2007Agosto 2007
Luglio 2007Giugno 2007Maggio 2007Aprile 2007Marzo 2007
Febbraio 2007Gennaio 2007Dicembre 2006Novembre 2006Ottobre 2006
Settembre 2006Agosto 2006Luglio 2006Giugno 2006Maggio 2006
Aprile 2006Marzo 2006Febbraio 2006Gennaio 2006Dicembre 2005
Novembre 2005Ottobre 2005Settembre 2005Agosto 2005Luglio 2005