Recensioni libri

Nico Orengo

Nico Orengo biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Nico Orengo

Nico Orengo

E accaddero come figure

Una ragazza seduta in treno legge il suo libro giallo, ma le cose che legge le sono già accadute, le accadono, le accadranno. Un malaugurato narratore l’ha imprigionata in un libro, in quelle pagine che si vanno dipanando mentre si snoda la storia reale e, a questo punto, inevitabilmente parallela. Da una crepa, una fisica crepa, tanto reale quanto può esserlo il baratro di Alice, la ragazza entra in una dimensione in cui si annida una schiera di personaggi tutti autonomi, eppure tutti legati tra loro da quella che appare come una indiscutibile necessità narrativa. Così il lettore, il narratore, i personaggi, tutti finiscono per ritrovarsi in una logica che viola e stravolge le fondamentali regole del giallo: non più vittime, non più investigatori, non più rei, ma una colpa, un destino comune che non può essere risolto. La catarsi finale, continuamente rinviata, lascia il posto ad una parodistica e irrazionale quarta dimensione, nella quale il gioco combinatorio dei personaggi, dei misteri, dei sospetti, delle rivelazioni, esclude ogni soluzione che non sia il perpetuo rinnovarsi per giungere alla fissità di un rito, in cui il celebrante si sia immotivatamente nascosto. “E accaddero come figure” comincia là dove ogni giallo di consueto ha fine e, mentre recupera nella sua evidenza la struttura narrativa di quello, ne paralizza i congegni con predeterminata intenzione per proporne impreviste utilizzazioni, ne rivoluziona la rigorosa consequenzialità dell’azione attraverso insistiti ritorni o immotivati sviluppi, ne svela i meccanismi narrativi inventando le regole bizzarre e impreviste di un gioco niente affatto gratuito. Così prende forma un testo confuso e scialbo nel quale la trama gialla diventa sì finzione e ricerca di un romanzo parallelo in cui il lettore ha il compito ingrato e piacevole di avere coscienza della distanza che corre tra l’immagine e la realtà, ma lo fa in un modo che comprende solo l’autore.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Nico Orengo I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Nico Orengo
Morte malinconica del bambino Ostrica: e altre storie (Einaudi. Stile libero)
Morte malinconica del bambino Ostrica: e altre storie (Einaudi. Stile libero)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News