Recensioni libri

Nico Orengo

Nico Orengo biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20346

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Nico Orengo

Nico Orengo

La misura del ritratto

Questo romanzo di Orengo pubblicato da Bompiani nel 1979 è la storia di una ragazza dentro una città, entrambe irrequiete e ammalianti, inafferrabili e uniche. Stretto fra l’una e l’altra c’è un Ruggero metropolitano sceso dal suo ippogrifo, che pensa di poter conoscere fino in fondo la ragazza Minou solo portandola via dalla città, e fermandola poi con la matita sulla carta. Ma lei nei margini di un foglio da disegno non ci vuole stare, e insieme tornano a circondarsi degli spazi mutevoli della città, foresta moderna e puzzle mai compiuto, unica possibile misura di un ritratto d’amore contemporaneo. Guidati dall’amico Cimpa, questi argonauti urbani si divertono a provocare la città, imparano a saggiarne le debolezze e a temerne le improvvise reazioni. Un furto sensazionale viene compiuto a Palazzo Madama, i senzatetto occupano il Museo Egizio, i muri si coprono di scritte: in mezzo a questi eventi incalzanti il romanzo precisa la sua ansia di tenerezza collettiva e quando Minou scompare e lui resta solo, sarà cercandola prima e cercandosi poi che di questa tenerezza collettiva capirà il senso profondo. Tra battaglie furiose di tifosi, incontri con nani, mostri, ragazzi danzanti, ospedali-catacombe e un passaggio ininterrotto e fiabesco di valigie colorate che attraversano vie e piazze dall’identità sempre più incerta, il romanzo arriva ad una svolta violenta e simbolica, ad un fuoco d’artificio che invera la tensione magica della storia.
Certamente uno dei peggiori romanzi di un Nico Orengo ancora grezzo e sommario sia nel modo di scrivere che nel dipanare la trama. È certamente un romanzo surreale, fantastico ma troppo incomprensibile nei propositi e nei messaggi. Da salvare, invece, pienamente l’ambientazione di Torino, che appare come città surreale, malinconica ma nello stesso tempo viva e propositiva.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)


Di gianpaolo.mazza

Nico Orengo I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Nico Orengo
Morte malinconica del bambino Ostrica: e altre storie (Einaudi. Stile libero)
Morte malinconica del bambino Ostrica: e altre storie (Einaudi. Stile libero)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News