Recensioni libri

Nico Orengo

Nico Orengo biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20533

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Nico Orengo

Nico Orengo

Recensione de: Di viole e liquirizia

Di Eugenio Cardi

Cos’è che sa di Viole e liquirizia? Un buon vino, naturalmente! E di vino deve proprio intendersene Nico Orengo, dato il bel libro che ha scritto, innervato di sole, viti, e colline.
Nico Orengo lo seguo fin dai tempi di dogana d’amore ed è uno dei scrittori che in Italia maggiormente apprezzo. Non solo per i suoi libri, per il suo modo di scrivere secco, incisivo e direi addirittura corposo, come credo un buon vino debba essere; ma anche e soprattutto per il suo parlare di libri in modo competente e pacato, mai sopra le righe, mai solo per comparire.
Di viole e di liquirizie sa di terra, di quella buona, dove far crescere e coltivare - con l’amore che si nutre solo per un figlio - una vite che non è solo un modo di vivere ma diventa l’essenza stessa della vita.

Sarà che anch’io sono un amante del buon vino, ma il romanzo di Nico Orengo è davvero godibile.
Ma non c’è solo il vino: direi anzi che il vino è il pretesto, l’alibi, la bugia intorno alla quale ruota tutto: l’amore, l’infanzia, i contrasti familiari, le tare che – piccole o grandi – tutti noi ci portiamo dietro fin dall’adolescenza.
Ci sono i conflitti generazionali, l’apparente calma delle colline intorno ad Alba e soprattutto uno spicchio di Francia che il sommelier parigino Daniel Lorenzi porta fin laggiù e che funge da detonatore per dar fuoco alle contraddizioni che si nascondono irrequiete sotto le ceneri: Daniel portò un po’ di vino verso il centro del palato, era da lì che si avvertiva la complessità della sua struttura, la sua densità. Acidità e tannini si armonizzavano respirando nel bicchiere. Daniel lo posò sul tavolo, girandogli ancora attorno. Smise di pensare, trattenne il respiro, aspettò che la memoria gli venisse incontro. Poi disse: “E’ un Sorì Tildìn del 1989, di Gaia”.
Eugenio Cardi (www.eugeniocardi.it)

Nico Orengo I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Nico Orengo
Il salto dell'acciuga
Il salto dell'acciuga
Di viole e liquirizia (Super ET)
Di viole e liquirizia (Super ET)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
La strage delle donne
[04-05-2022]
Le malattie dei potenti
[03-05-2022]
Educazione siberiana
[27-04-2022]
25 aprile, la festa della liberazione
[25-04-2022]
Proibito parlare
[22-04-2022]
Perché l'Ucraina
[20-04-2022]
Breve storia di Twitter
[18-04-2022]
Un altro giorno di morte in America
[14-04-2022]
Leggi le altre News