Recensioni libri

Dacia Maraini

Dacia Maraini biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20346

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Dacia Maraini

Dacia Maraini

La lunga vita di Marianna Ucrìa

"Un padre e una figlia eccoli lì." Così inizia il bellissimo libro di Dacia Maraini: La lunga vita di Marianna Ucrìa. Che rapporto esiste tra questo padre e questa figlia? Qual'è il segreto che nasconde la famiglia alla piccola mutola? Marianna Ucrìa è una bambina muta che può comunicare con gli altri solo attraverso la scrittura. Il suo mutismo aprirà la via dei suoi pensieri che si dischiudono come i petali di un fiore al lettore per svelare il profumo della vita. Marianna è sempre stata muta? E' questa la domanda che rivolgerà al padre, perché lei ricorda di aver parlato da bambina. Il padre negherà e dirà che è sempre stata mutola, fin dalla nascita.

Il primo capitolo è di una bellezza disarmante. Il mondo della piccola Marianna, incapace di parlare si aprirà con gli odori e le sensazioni della bambina. Il lettore avrà l'impressione di diventare sordomuto a sua volta e comincerà ad apprezzare il mondo attraverso gli altri sensi.
Il padre ama la figlia e farà di tutto per riuscire a guarirla dal mutismo. Seguendo il consiglio dei cerusici porterà Marianna ad assistere all'impiccaggione di un ragazzino. L'evento è di un crudeltà terribile e Marianna rimarrà ancora più terrorizzata dall'esecuzione, senza però recuperare la parola. Il boia dovrà addirittura saltare addosso al corpo del ragazzo, ballonzolante sulla corda, per rompere il collo del condannato e terminare la sua agonia.
La bambina guarderà il padre che le parla "«Devi parlare» dicono le sue labbra, «devi aprire quella maledetta bocca di pesce!» La bambina prova a spiccicare le labbra ma non ce la fa. Il suo corpo è preso da un tremito inarrestabile. Le mani ancora aggrappate alle pieghe del saio paterno sono rigide, di pietra. Il ragazzo che voleva uccidere è morto. E si chiede se può essere stata lei a ucciderlo avendo desiderato la sua morte come si desidera un bene proibito."

La focalizzazione della narrazione è quasi interamente su Marianna che nel corso della storia riuscirà a percepire anche i pensieri delle persone vicine, della cuoca, dei fratelli, delle sorelle. Dei brandelli di pensieri strappati dalle menti che non può sentire attraverso altri sensi. Una sensibilità che la porterà ad essere amata non solo dalla servitù ma anche dai poveri contadini che servono la famiglia nobile degli Ucrìa.
Frequenti sono le ellissi nel passaggio da un capitolo al seguente. Nei primi capitoli l'azione si sposta per ritrovare una bambina prima di sei anni, poi di sette e poco dopo di tredici. I fratelli vengono inzialmente dipinti dalla stessa Marianna su una tela all'età di tredici anni. Non riuscirà a completare il suo disegno ma ci penserà la vita a farlo in seguito. Le vicende dei fratelli e della famiglia Ucrìa si spostano negli anni con Marianna come testimone delle morti, degli amori, dei figli che aprono nuovi rami nell'albero genealogico della nobile famiglia. Chi diviene monaca, chi prete, chi come Signoretto, primogenito erediterà gran parte della fortuna del padre. Le figlie più belle andranno in sposa a ricchi di altre famiglie per consolidare le proprietà e i privilegi nobiliari.
Marianna, da povera mutola, verrà presa in sposa dallo zio Pietro Ucrìa che lei chiamerà sempre: Signor marito zio.
Per chi volesse leggere libro consiglio di non andare oltre la lettura di questa recensione e di fermarsi qui, chiudendo la pagina.

Ciò che Marianna, inconsciamente aveva sempre saputo: di non essere stata sempre mutola e che qualcosa era successo quando aveva sei anni, le viene svelato dal fratello. Era stato il Signor marito zio a violentarla quando era piccina e da allora lei non aveva più parlato. Poi negli anni, per pietà o per quell'amore che aveva provato per lei quand'era bambina, se l'era sposata. Come ha potuto un padre che conosceva la vicenda, mettere tutto a tacere e addirittura dare la figlia in sposa al suo aguzzino? Queste sono domande che ci faremmo oggi ma alla fine del 1600, in Sicilia, erano altre le cose che contavano: mettere tutto a tacere e destinare Marianna o al convento oppure al primo buon partito che si presentava.
Il modo di pensare dei nobili siciliani del tempo verrà espresso direttamente da Saro, un ragazzo di umili origini, poi adottato da Marianna e dagli Ucrìa: "La lezione dei signori l'ha mandata bene a memoria: mai mostrare i propri sentimenti, giocare su tutto, usare bene gli occhi e la lingua ma senza farsi notare."

Lo zio Pietro non sarà un cattivo marito per Marianna, non la sevizierà mai più a parte quei rapidi e sporadici rapporti da cui nascerà un figlio ogni volta. Pagherà tutte le spese per trasformare la "casena" di caccia nella nuova villa Ucrìa, tanto voluta e desiderata da Marianna.
I parti si susseguiranno fino all'arrivo del primo figlio, Mariano. Il padre, forse per farsi perdonare la crudeltà di averla portata a sei anni ad assistere a una esecuzione, le porterà la figlia di un condannato a morte in regalo. La bambina, di nome Filomena, che poi diverrà Fila, vivrà per sempre con Marianna, con questi nobili che possono permettersi tutto, anche strappare una vita dalla morte e porgerla in dono a una figlia. Fila nasconderà a villa Ucrìa il fratello Saro che una volta scoperto diverrà l'amante di Marianna, ma solo dopo la morte dello zio Pietro.

Fulcro della vita di Marianna sarà il figlio Signoretto, un bambino di quattro anni che se ne andrà di malattia. La madre lo accudirà con amore per interminabili notti. Della sua famiglia sono morti in molti, il padre, la madre, alcuni fratelli "Ma nessuno ha mai emanato quell'odore di carne in disfacimento che esala ora dal corpo di Signoretto che ha appena compiuto quattro anni."
Dopo la morte di Signoretto Marianna, per la prima volta, rifiuterà il marito. "Ora per la prima volta, guardando in faccia il signor marito zio, riesce a fare un segno di diniego con la testa. E lui si paralizza, con il membro rigido, la bocca aperta, talmente sorpreso del suo rifiuto da rimanere lì impalato senza sapere che fare."
Il marito si consolerà con la moglie dello stalliere fino alla sua prematura scomparsa. Il figlio Mariano non si interesserà mai degli averi di famiglia e sarà Marianna a farsi carico dei compiti che dovrebbero spettare al duca. Incontrerà i contadini, ascolterà i loro problemi, amministrerà i beni, andrà nelle case dei poveri per fare l'elemosina, fino a quando Saro, il fratello di Fila non si innamorerà di lei e comincerà a spiarla attraverso le fessure delle porte. Il ragazzo le farà apertamente la corte, imparerà a scrivere per potere parlare con lei, si dichiarerà e si batterà per difenderla. Alla fine i suoi sforzi verranno premiati e riuscirà a rubare a Marianna un bacio. Marianna rifuggirà dal suo amore, dandolo in sposo a una ragazza del popolo, Peppinedda.
Fila accoltellerà Peppinedda alla nascita del primo figlio ma sbagliando a fendere i colpi, quasi uccide il fratello Saro. Il figlio appena nato muore schiacciato dal peso del padre. Questi fatti di sangue convinceranno Marianna a lasciare Bagheria per un lungo viaggio per L'italia, insieme a Fila che libererà, prima dalla condanna a morte e poi dalla prigionia del manicomio.

La sicilia raccontata in questo libro parla con i suoi odori, con i profumi e con la brezza che arriva dal mare. La storia corre con le vite dei personaggi raccontate dagli occhi di Marianna che fuggirà dalla Sicilia alla ricerca della sua libertà, senza guardarsi indietro, senza troppe aspettative nel futuro.
"Il passato era una coda che aveva raggomitolato sotto le gonne e solo a momenti si faceva sentire. Il futuro era una nebulosa dentro a cui si intravedevano delle luci da giostra."

Non sappiamo cosa succederà a Marianna dopo aver lasciato la Sicilia ma il romanzo si conclude con una nota di speranza. Potrebbe fermarsi ma la voglia di riprendere il cammino sarà più forte, per avere delle risposte che si trasformano di continuo in nuove domande.

Di Di Vincenzo Ciccone

Di SuperLettore

Dacia Maraini I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Dacia Maraini
L'errore antropocentrico. Con un'intervista a Dacia Maraini
L'errore antropocentrico. Con un'intervista a Dacia Maraini
La mia vita, le mie battaglie
La mia vita, le mie battaglie
Sulla mafia
Sulla mafia
La bambina e il sognatore VINTAGE
La bambina e il sognatore VINTAGE
Il corpo felice
Il corpo felice
Tre donne. Una storia d'amore e disamore
Tre donne. Una storia d'amore e disamore
La mia Sicilia
La mia Sicilia
Donne nel Sessantotto (Biblioteca storica)
Donne nel Sessantotto (Biblioteca storica)
Tre donne. Una storia d'amore e disamore
Tre donne. Una storia d'amore e disamore
Telemaco e Blob. Storia di un'amicizia randagia. Ediz. a colori
Telemaco e Blob. Storia di un'amicizia randagia. Ediz. a colori
Tre donne
Tre donne

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News