Recensioni libri

Thomas Mann

Thomas Mann biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Thomas Mann

Thomas Mann

Morte a Venezia

Thomas Mann Morte a Venezia
Thomas Mann Morte a Venezia

Un racconto straordinariamente complesso. Un racconto nel quale si segue con fiato corto Thomas Mann che via via snocciola non solo una storia, ma un intero pensiero che abbraccia le arti, la bellezza, la perdizione, la filosofia. Lo si segue ora a fatica, ora delicatamente, godendo di tanto in tanto del condividere qualcosa che si avvicina alla reciproca comprensione, mentre il suo personaggio, Gustav von Aschenbach, il suo artista, viene condotto brutalmente sulla via della perdizione, di quella morte tristemente ed enigmaticamente annunciata. E vi è condotto proprio quando, all’inizio, proprio sul bordo, il fato o forse un nume gli invia un segnale di vita, di viaggio, lo richiama al movimento, all’esaltazione dello spostamento, del vivere, un vivere che, da artista che attraverso l’abnegazione all’arte espia la colpa dell’arte stessa, si è arbitrariamente precluso per inseguire la bellezza perfetta, quella che per Mann è la sola legittima, l’arte che è frutto di intenso lavoro e non nasce da una subitanea, spontanea e presto svanita passione per le cose umane.


Dunque, si snoda in un’ottantina di densissime pagine non solo quel viaggio verso la perdizione, verso la preannunciata morte, ma un percorso verso la perdizione morale che si consuma dell’amore peccaminoso per il giovane Tadzio e il pensiero di Mann a proposito dell’arte, accennato e mai approfondito in Tristano e Tonio Kröger . Gli artisti di Mann sono artisti che espiano una colpa, la colpa dell’arte. Mann ne riconosce la distanza, la distanza da ciò che è umano, da ciò che è la norma. Tonio Kröger ne ritrova le tracce, redimendosi in parte senza mai, però, ricucire lo strappo che si è venuto creando, nel proprio stesso corpo, fra l’uomo e l’artista. Detlev Spinell ne è forse la caricatura, un artista che lavora di penna e di parole gustose, ma che perde dignità e baldanza quando, non più protetto da una disciplina che quasi trattiene e doma il suo essere artista e lo lascia in balia delle sue innate debolezze, si trova ad affrontare una situazione reale. Allora, quasi si avverte un qualcosa che potremmo definire critica a proposito dell’arte? Forse, forse un’espiazione autobiografia di un artista che si redime per legittimare il persistere dell’azione delittuosa (l’arte, l’inseguimento della bellezza). Morte a Venezia, parlando in questi termini, potrebbe essere, nonostante sia ad essi precedente, il compimento degli altri due racconti. Un pensiero che trova la propria completezza solo in Morte a Venezia, nel quale si manifesta, dopo un lungo e articolato percorso, nel richiamare le figure di Seneca e Fedro, il vecchio e il fanciullo, e nell’ammissione eterea e definitiva insieme della condizione dell’artista, questo suo procedere inevitabilmente verso la perdizione e la morte. Malattia, morte come arte. Questa continua metafora.


Illuminanti risultano i toni, a questo proposito. Come cambieranno poi in Tristano e Tonio Kröger, l’uno lirico e l’altro retorico (ironico), come saranno lievi e frizzanti, come risulterà omogeneo e solido il monocromatismo di questi due racconti successivi. In Morte a Venezia i toni mutano, seguono il percorso verso il degrado (morale e fisico). La piattezza e la calma opprimente delle prima pagine, pagine di stasi, di preludio al moto, al cambiamento, alla brusca virata, toni man mano più caldi e seducenti, man mano che procede in Aschenbach il puro sentimento, man mano che esso si abbellisce, man mano che esso diventa arte (come si ripete la parola bellezza a mettere in evidenza quanto sia effimera, quanto sia eterea, quanto sia poco umana, quanto sia poetica, quanto non esista eguale). Poi si abbrutisce, si brutalizza in un delirio quasi scomposto, in cui qui e là ancora si avvertono le liriche parole di Seneca, man mano che della perdizione del corpo e della mente si avvertono le avvisaglie (crudele, Mann non fa che sottolineare il contrario fra vecchio e bello), man mano che l’artista si corrompe e abbandona la morale, perché votandosi al bello non può farne a meno.


Il linguaggio, così snodato, è ora delicato, ora brutale, ora barocco, sempre molto metaforico, molto ricco, molto bello.


Che dire? L’ho letto inseguendo Mann, cercandolo tra le pagine del racconto. Ma si può leggere anche solo gustandolo, gustandosi il magnifico climax, il magnifico srotolarsi del racconto, delle sue fitte trame e dei suoi significati, delle sue quasi allegoriche metafore. Alcuni passaggi meritano una lettura che sia tutta cuore.


Bello, intenso, complesso, profondo.

Di Hellionor

Thomas Mann I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Thomas Mann
Death in Venice (English Edition)
Death in Venice (English Edition)
Transportation by Rail: An Analysis of the Maintenance and Operation (Classic Reprint)
Transportation by Rail: An Analysis of the Maintenance and Operation (Classic Reprint)
Il problema della libertà
Il problema della libertà
I Buddenbrook. Decadenza di una famiglia. Ediz. integrale
I Buddenbrook. Decadenza di una famiglia. Ediz. integrale
I Buddenbrook (Einaudi): Decadenza di una famiglia (Einaudi tascabili. Classici)
I Buddenbrook (Einaudi): Decadenza di una famiglia (Einaudi tascabili. Classici)
DEĞİŞEN KAFALAR
DEĞİŞEN KAFALAR
Cane e padrone-Disordine e dolore precoce-Mario e il mago
Cane e padrone-Disordine e dolore precoce-Mario e il mago
Doctor Faustus. Ediz. critica
Doctor Faustus. Ediz. critica
Moniti all'Europa
Moniti all'Europa
Sul matrimonio (Piccola enciclopedia)
Sul matrimonio (Piccola enciclopedia)
Morte a Venezia. Sinfonia 4 e 5. Con DVD (Music & book gallery)
Morte a Venezia. Sinfonia 4 e 5. Con DVD (Music & book gallery)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News