Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

La musica in testa

C’è un momento in cui tutto diventa chiaro”. Questo è quello che accade ad un artista che è sia poeta, pittore, musicista, bombardato e folgorato dai segnali che gli stanno intorno, lui, l’artista ne capta l’essenza trasformandola in parola, colore, nota.


E attraverso questo iter nasce la musica del maestro Giovanni Allevi, un “fanciullino” di pascoliana rimembranza, che avverte la meraviglia di  tutto ciò che lo circonda trasformandolo in musica.


Compositore, nato ad Ascoli Piceno, diplomato in pianoforte e composizione e laureato in filosofia, Allevi è autore di quattro raccolte per pianoforte solo: 13 dita (1997), Composizioni (2003), No concept (2005) e Joy (2006). 


Le melodie di Allevi possono essere considerate delle vere poesie; le note sapientemente accordate tra loro risultano piacevoli alle orecchie come versi in rima baciata.


Il musicista, infatti, con le note osa ciò che il poeta osa con le parole perchè osare è “un dovere dell’artista”, scrive il maestro “Bisogna sempre trovare il coraggio di esporsi, di osare, di mettersi in gioco: è un dovere dell’artista!”.


Ma chi è Giovanni Allevi? Ce lo racconta lui stesso nel suo libro dal titolo “La musica in testa”, che non è una semplice autobiografia del maestro, ma il “romanzo della scoperta” di “Lei”, la musica, come ama chiamarla Allevi.


Attraverso una prosa veloce, rapida, snella scorrono i momenti segnati dagli aneddoti che lo hanno condotto al successo: dal fingersi cameriere alla supplenza, al viaggio in America.  


L’intento di Allevi è quello di comunicare ai cuori di chi vuole comprendere l’amore per “lei”, la musica, alla quale dedica in ogni momento con le sue note una dichiarazione d’amore.


La “strega capricciosa” ovvero la musica, come egli la definisce, emanava tutta la sua bellezza da quel pianoforte paterno celato dalla chiave d’argento. Ma fu colpo di fulmine fin dalle prime note e adesso la musica possiede la sua vita completamente.   


Non esiste né luogo né tempo, ma ovunque e sempre “la strega capricciosa” viene a trovarlo, che si trovi nel bus o ad un concerto o un market. E a proposito lui scrive: “la spaventosa carica emotiva che la Musica rilascia nel mio cuore, nel mio corpo, all’uscita del supermercato, non è una semplice e occasionale conseguenza del suo essere nel mondo, ma ne rappresenta un completamento essenziale. Senza quelle emozioni, la musica resta carta. Scopro così che la mia Strega capricciosa, altezzosa e indipendente, per vivere ha bisogno di un cuore emotivo che la accolga”.


Per Lei ha navigato l’Oceano fino a New York, la patria del jazz; ha sfidato la sua timidezza esagerata, che lo porta a vivere in due mondi contrapposti tra loro: il mondo solitario di Giovanni che si è costruito fin da bambino, lontano dagli amici, perché si riteneva un “diverso”; e quello della musica che lo catapulta in mezzo alla gente, al pubblico che Allevi definisce “quell’ insondabile atto finale della creazione artistica”.


Ascoltare le melodie di Giovanni Allevi è come smaterializzarsi, perdere la concezione del corpo e sentire solo l’anima che ti suggerisce un ricordo, un sorriso, una parola d’amore, una paura, un volto…


Come un cieco non percepisce con gli occhi così “  il tatto e l’emozione diventano predominanti. Non penso. Altrimenti sarei spettatore esterno della musica…”.


Il messaggio che il maestro Allevi vuole lanciare con le sue parole è questo: “quando insegui un sogno, nella tua strada incontri tantissimi segnali che ti indicano la direzione, ma se hai paura non li vedi; non si raggiungono mai grandi risultati se non si soffre un pò”.


RosaMaria Crisafi

Di Sosuccia

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News