Recensioni libri

Sophie Kinsella

Sophie Kinsella biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Sophie Kinsella

Sophie Kinsella

I love shopping in bianco

Sophie Kinsella I love shopping in bianco
Sophie Kinsella I love shopping in bianco

I love shopping in bianco di Sophie Kinsella è un libro che si compra con un po’ di imbarazzo, magari nascondendolo tra un Dostoevskij e un Eco e che almeno, all’inizio, si legge di nascosto, meglio se camuffato dentro le pagine di un quotidiano. Un poco come succede per i giornali scandalistici che tutti affermiamo di leggere solo dal parrucchiere e che invece fanno capolino sulla nostra scrivania.


 


Conoscevo la scrittrice solo per fama, nel senso che rimanevo colpito dalla pila dei suoi libri che sempre campeggiano in qualunque libreria e centro commerciale. Ma per via di quella puzza pregiudiziale di cui dicevo prima avevo sempre procrastinato l’acquisto:” È un libro troppo leggero, per adolescenti”.


 


Già dal titolo si capisce il tema dominante (leggasi mania) per lo shopping, una forma non del tutto catartica per liberarsi delle proprie passioni e delle proprie paure. E poco importa se si comprano cose del tutto futili o tre o quattro vestiti per la stessa occasione.


 


Becky Bloomwood  è una ragazza inglese trasferitasi nella grande mela  che vive una convivenza felice col fascinoso e ricco Luke. Lavora presso Barneys in veste  di personal shopper. È una ragazza solare che ama circondarsi di begli abiti e scarpe costosissime, che cerca di mascherare come “spese per la famiglia” nel conto cointestato col fidanzato.


 


Questo libro- che si inserisce all’interno di una stessa saga tematica-  gira attorno alla costruzione di una cerimonia di nozze che per la leggerezza della protagonista si biforca in due feste parallele: la prima a New York nello sfarzoso hotel Plaza e la seconda in sobrietà, in Inghilterra.


 


Il libro si accende subito e spesso ci si deve interrompere per le risate che scaturiscono dalle situazioni esilaranti e ambigue che la protagonista vive, come la possibilità di prenotare dei lotti matrimoniali per il cimitero che in caso di divorzio possono essere spostati in lati opposti o l’esposizione dell’amico e stilista non ancora affermato Danny che mette le sue creazioni nel Barneys a insaputa della direttrice oppure la ricerca di due sosia così da rendere possibili entrambe le cerimonie.


Non mancano nemmeno i momenti forti e di riflessione: “Becky, hai mai pensato alla topografia di Manhattan?  È come una metafora della vita. Tu pensi di avere la libertà di andare ovunque desideri ma in realtà hai dei confini molto rigidi. Su o giù. Destra o sinistra. Niente vie di mezzo. Nessuna possibilità intermedia. La luce entra a Manhattan e resta intrappolata. Intrappolata nel suo stesso mondo, costretta a rimbalzare da un edificio all’altro senza una via di fuga”.


 


 


La festa in America è organizzata dalla  wenning planner Robyn, assunta dalla suocera, una donna eccentricamente aristocratica che più che altro vede nel matrimonio del figlio la sua festa e la celebrazione del proprio successo. Ed è il rapporto con queste due donne ad incidere sull’economia del libro. Forte è il topos per niente idilliaco nuora-suocera. Quest’ultima, per altro, è rea di aver abbandonato il figlio quando era piccolo e sembra cercarlo solo quando questi è diventato qualcuno.


 


Ma come fare a dire no ad un matrimonio extra-lusso, il matrimonio dell’anno, organizzato in pompa magna e che ha come tema “la bella addormentata nel bosco” e nel frattempo accontentare la mamma che parallelamente per lo stesso giorno sta organizzando un matrimonio più tradizionale? Becky  non pare possedere la determinazione di scegliere fra le due feste e nemmeno il coraggio di ammettere, almeno a se stessa, l’ambigua fragilità del suo carattere:


“Ho acceso cinquanta candele nella chiesa di St Thomas e  altre cinquanta in quella di St Patrick, ho affisso una supplica sulla lavagna delle preghiere nella sinagoga della Cinquantacinquesima  e ho portato dei fiori alla dea indù Ganesh. Inoltre un gruppo di persone  che ho scoperto su internet sta pregando intensamente per me”.


 


Il romanzo va letto tutto d’un fiato e servirà a meglio comprendere il mondo femminile in fatto di acquisti. Inoltre è molto piacevole e avvincente,  e sebbene il termine abbia più che altro un’accezione negativa, non è un offesa definirlo “leggero”, nel senso che è adatto a qualsiasi età e che può trovare facilmente spazio nella nostra libreria. In fondo non ha la velleità di assurgere a letteratura. Vuole essere solo un libro di lettura. Assai spassoso e capace di spezzare la pedanteria di letture ben più altolocate.


 

Di giacomo coniglione

Sophie Kinsella I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Sophie Kinsella
La famiglia prima di tutto!
La famiglia prima di tutto!
La mia vita non proprio perfetta
La mia vita non proprio perfetta
Io e Fata Mammetta. Aspirante Fata
Io e Fata Mammetta. Aspirante Fata
La famiglia prima di tutto!
La famiglia prima di tutto!
Un unicorno in cucina. Io e Fata Mammetta: 3
Un unicorno in cucina. Io e Fata Mammetta: 3
I love shopping a Hollywood
I love shopping a Hollywood
La mia vita non proprio perfetta
La mia vita non proprio perfetta
Sorprendimi!
Sorprendimi!
Aspirante fata. Io e Fata Mammetta: 2
Aspirante fata. Io e Fata Mammetta: 2
La mia vita non proprio perfetta
La mia vita non proprio perfetta
Sorprendimi!
Sorprendimi!
Io e Fata Mammetta
Io e Fata Mammetta
Io e Fata Mammetta
Io e Fata Mammetta
Sorprendimi!
Sorprendimi!
I love shopping a Las Vegas
I love shopping a Las Vegas
La mia vita non proprio perfetta
La mia vita non proprio perfetta

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News