Recensioni libri

Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20345

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Giuseppe Ungaretti
Giuseppe Ungaretti
Modifica bioCronologia

Ungaretti nacque ad Alessandria d'Egitto l'8 febbraio 1888, dove la famiglia si era trasferita (il padre lavorava alla realizzazione del canale di Suez) da genitori lucchesi, studiò alla Sorbonne e collaborò con Giovanni Papini e Ardengo Soffici alla rivista Lacerba. Nel 1914 tornò in Italia e quando scoppiò la Prima guerra mondiale si arruolò volontario, per condividere il destino dei suoi coetanei. Combatté sul Carso e poi in Francia. Nel 1916 pubblicò la raccolta di poesie Il porto sepolto e, nel 1919, una seconda raccolta: Allegria di naufragi, nel 1933 uscì Sentimento del tempo.

Ne Allegria di naufragi (allegria di chi elude la morte) sono evidenti influssi francesi ed echi dei crepuscolari e dei futuristi. Il valore essenziale della poesia di Ungaretti è da ricercarsi non solo nello studio di un nuovo metro e di una nuova sintassi, ma anche nella ricerca di un nuovo valore della parola, ridotta ai termini essenziali. Il poeta distrugge il verso, crea nuovi ritmi, mira all'essenzialità della parola. Ungaretti capovolge le tendenze dei Crepuscolari e dei Futuristi (linguaggio composito dei Crepuscolari / abdicazione stilistica dei futuristi).

Il poeta tende alla parola nuda, aderente alle cose, ad uno stile essenziale libero dalle incrostazioni letterarie ed ironiche dei Crepuscolari e dal semantismo approssimativo dei futuristi. Dei Crepuscolari rifiuta l'ambiguità della parola, ma ne trae l'idea di stile sintattico. Dei futuristi rifiuta la mancanza di stile, ma ne preserva la purezza della parola e certe disposizioni grafiche dei versi. La novità di Ungaretti è proprio nel senso ritrovato della parola. In Allegria di naufragi il ritmo e la metrica non sono riconducibili agli schemi tradizionali, ma già nel '29, prima della pubblicazione di Sentimento del tempo il poeta mira ad un ritorno alla tradizione (l'endecasillabo è caratteristico dell'italiano). Nell'opera di Ungaretti sono presenti due costanti: la parola essenziale e l'analogia (rapporto di comparazione tra cosa e cosa. La poesia analogica mette in rapporto immagini distanti mediante la giustapposizione, eliminando il come).

Ungaretti cerca l'analogia come suggestione: in Sentimento del tempo (1933), Ungaretti si riavvicina alla tradizione metrica e ritmica italiana, pur restando intensamente analogico. Il poeta cerca la parola chiara, spiegata che fa emergere il sentimento, intessendo un discorso che continua di lirica in lirica. L'aggettivo è ricco di risonanze e le analogie nulla tolgono all'incisività del discorso. L'eloquenza delle ultime prove (Dolore, La terra promessa) è invece priva della vibrazione intensa ed umana delle prime prove. Per Ungaretti la Senna è il fiume della coscienza del mondo, come il Serchio è quello della memoria ed il Nilo quello della formazione e della prima intuizione della vita. A Parigi, il poeta frequentò il filosofo Bergson, Bergson (1859 – 1941) è stato uno dei maggiori filosofi francesi.

Si avvicinò al cattolicesimo, ma senza abbracciarlo per non abbandonare i correligionari nel momento del pericolo nazista. Elaborò l'intuizionismo. Punto di partenza è il problema del tempo, che nella realtà esterna è una successione di istanti in ordine preciso e determinato, mentre nella realtà interiore della coscienza è un processo fluido, non riconducibile all'istante, perciò la vita psicologica è durata reale perché gli stati di coscienza successivi si fondono, dopo senza che ci sia separazione tra presente e passato. Perciò ogni sentimento racchiude l'intera anima, che è libera.

Lo slancio vitale muove l'evoluzione che ha prodotto istinto ed intelligenza. L'intelligenza è la base della scienza, la sintesi fra intelligenza ed istinto produce l'intuizione, che è il principale strumento di conoscenza. L'intuizione estetica porta all'arte, mentre l'intuizione metafisica permette di cogliere la realtà universale della vita. Esistono due tipi di società:

* Società chiusa, immobile, conservatrice, opera della ragione (famiglia, tribù, nazione) in cui le tradizioni impongono le regole (morale dell'obbligazione) una serie di miti e di riti genera una religione statica.
* Società aperta, che è opera dell'intuizione e tende a realizzare la democrazia universale. È dinamica e caratterizzata dalla morale assoluta (di santi ed eroi). Ne deriva una religione dinamica (misticismo) che cerca il contatto con Dio (sforzo creatore).

In Francia Ungaretti filtrò le precedenti esperienze, eliminandone le scorie. Dopo qualche pubblicazione su Lacerba, la guerra fu per Ungaretti il tempo della scoperta dell'umanità povera, dolente quotidiana. Tale esperienza si trova nel Porto Sepolto (1917) ed in Allegria di Naufragi (1919), che è il primo documento di una nuova poesia che, dopo D'Annunzio, ripartiva da zero, dalla parola nuda ed isolata.

Dopo Ungaretti la poesia ha dovuto sempre far riferimento a quelle liriche tutte volte al futuro. Dopo la guerra vennero gli anni delle collaborazioni con le riviste, del lavoro presso i ministeri come lettore, poiché Ungaretti ebbe un posto fisso solo quando, per chiara fama, fu nominato professore all'Università di Roma, dove insegnò fino al 1958. Prima di allora fu in Brasile, come professore d'italiano presso l'Università di San Paolo, e durante tale periodo perse l'amatissimo figlio.

Formatosi dai decadenti francesi (Rimbaud, Mallarmé) Ungaretti si accosta alla poetica simbolista ed ermetica, mirando all'essenzialità, alla purezza della poesia ed esordisce quindi con un impressionismo scarno e rarefatto, quasi un rapido riepilogo di sensazioni e ricordi, come un'esclamazione. Se nel ripudio della punteggiatura, della sintassi e della metrica tradizionale e nell'attribuire funzioni liriche ad espedienti grafici e tipografici, il poeta pare accostarsi ai modi del futurismo, da esso si differenzia per la coscienza dell'infinito e per l'ansia che anima il canto ed insiste nei versi brevissimi.

Gradualmente, attraverso la maturazione artistica, che porta alla rielaborazione anche delle opere già edite, mediante la traduzione dei poeti stranieri (Shakespeare, Mallarmé, Racine) e lo studio della grande lirica italiana (Petrarca, Leopardi) Ungaretti superò la fase iniziale e giunse ad esprimere il proprio trasalimento in seno all'universo mediante forme analogiche più ricche e sostenute, con un linguaggio che, pur ancora sensibile alla suggestione musicale dei nessi sillabici tenta di ridare alla parola la forza lirica del suo significato e crea rime e metri di rinnovata classicità, giungendo ad una poesia di più alto tono ed ampio respiro, pur se, a tratti, ancora viziata da un compiaciuto tecnicismo.

Da tale conquista muove il terzo periodo della lirica di Ungaretti (Il dolore (1947), La terra promessa (1950), Un grido e paesaggi (1952), Il taccuino del vecchio (1960)) contrassegnato dai motivi autobiografici e dal deciso intervento della memoria come conforto alle pene ed alla labilità del presente. Rilevante valore lirico hanno anche le prose di viaggio (Il povero nella città (1949), Il deserto e dopo (1961)). Dopo L'allegria del 1919, la vicenda poetica di Ungaretti porta nel 1933 al secondo libro fondamentale: Sentimento del tempo, che segna il ritorno alla tradizione poetica (Petrarca, Leopardi) ed alla religione. Da tale momento in poi, la produzione di Ungaretti è legata alla sua rivisitazione della poesia italiana e straniera. Ungaretti è stato, infatti un ottimo lettore, un critico innovatore ed un traduttore esemplare.

L'evoluzione artistica di Ungaretti segue un itinerario che va dal paesaggio, all'umanità, alla riscoperta religiosa, all'impatto con la poderosa natura brasiliana, al dolore per la morte del figlio ed al ritorno a Roma allo scoppiare della seconda guerra mondiale; gli ultimi due avvenimenti, la tragedia personale della la morte del figlio e la tragedia universale della guerra danno come primo frutto il terzo libro basilare di Ungaretti: Il dolore del 1947. Attraverso la disperazione, il poeta trova la coscienza della responsabilità umana e della fragilità delle ambizioni dell'uomo; Ungaretti, nel pessimismo con cui contempla la tragica condizione umana, trova un messaggio di speranza per gli uomini (al contrario di Leopardi). Gli ultimi venticinque anni di vita (muore a Milano nel 1970), rappresentano un esame critico del passato e traducono una forte ansia di rinnovamento.

Ungaretti diviene più libero e più complesso grazie anche agli approfonditi studi condotti come professore dell'università di Roma. Con Montale, Ungaretti è il grande protagonista del secolo appena trascorso ed i due maestri sono già divenuti classici ed esempi di un'epoca. Ungaretti tenta di legare indissolubilmente le storia dell'uomo alla poesia intesa come conoscenza, passione e fede del vero. Ogni libro di Ungaretti si inserisce non solo nella storia particolare della sua opera, ma ha anche definito o suggerito il cammino ad altri poeti, ma mentre gli altri poeti si sono volti a risolvere dei problemi personali, in Ungaretti si avverte l'autorità di chi ha creato uno schema di poesia totalmente nuovo.

L'impegno della sillabazione (scandiva le parole), il bisogno di riportare la musica nella parola, anche se il verso tende alla prosa, la coscienza dell'impatto e del peso della frase poetica, sono gli elementi del suo primo lavoro dove, quello che poteva apparire come povertà espressiva era in realtà un proposito di rinnovamento. Per sessant'anni egli cerca la purezza poetica, che resta ideale, poiché ogni testo può essere ulteriormente trasformato, infatti, per Ungaretti la poesia è nella possibilità di arrivare ad un testo nuovo, è estrema metamorfosi. Il primo atto di Ungaretti è stato la dichiarazione di non poter accettare il modo discorsivo della poesia e di rifiutare l'eredità dannunziana.

Per Ungaretti, però, il riferimento alla tradizione, l'innesto sul tronco della grande poesia italiana, sono inevitabili per giungere alla ricchezza finale di un discorso poetico pari a quella dannunziana, ma totalmente nuova. Ungaretti nasce con L'Allegria matura attraverso le tappe di Sentimento (1933) e Dolore (1947) con un incessante lavoro di rinnovamento, la guerra gli fa provare bisogni materiali e psicologici elementari, i sentimenti essenziali: fragilità, paura, speranza, amore, orrore, disperato attaccamento alla vita e lo pone di fronte ai limiti stessi della condizione umana. Ungaretti nel silenzio delle veglie, nella desolazione delle macerie, nell'orrore della guerra, cerca il significato della propria esistenza, della propria precarietà e transitorietà.

Ungretti morì il 2 giugno 1970 a Milano.

Da it.wikipedia.org

Giuseppe Ungaretti I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Giuseppe Ungaretti?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Giuseppe Ungaretti
Il demonio meridiano
Il demonio meridiano
Giuseppe Ungaretti: vita in sintesi e poesie
Giuseppe Ungaretti: vita in sintesi e poesie
Il porto sepolto
Il porto sepolto
Lettere a Bruna
Lettere a Bruna
Il povero nella città (Piccola enciclopedia)
Il povero nella città (Piccola enciclopedia)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 05/12/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana