Recensioni libri

Lydia Lunch

Lydia Lunch biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20379

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Lydia Lunch
Lydia Lunch
Modifica bioCronologia

Lydia Lunch – Koch di cognome all'anagrafe – è uno dei personaggi che hanno fatto la storia del sottobosco artistico newyorkese nel corso dell’ultimo trentennio. Al debutto appena 16enne come cantante, ma più esatto sarebbe dire 'urlatrice', nei blasfemi Teenage Jesus & The Jerks: una delle band scelte da Brian Eno nel 1978 per dar corpo alla fondamentale compilation No New York, atto fondativo della cosiddetta no wave. Fu la sua prima avventura musicale, a cui ne seguirono altre a raffica (Beirut Slump, 8 Eyed Spy, 13.13), anche se un estro tumultuoso la spinse ben presto a differenziare il proprio linguaggio espressivo. Divenne così performer provocante e attrice nelle pellicole di registi off quali Scott & Beth B e Richard Kern, spesso in ruoli talmente scabrosi da rasentare la pornografia. E poi poetessa, sia su carta – a metà anni Ottanta fondò la casa editrice Widowspeak per dar voce ai propri versi – sia in pubblico, con reading caustici e molesti. Quindi anche fotografa, sempre con stile scabroso, tanto da convincere Asia Argento a reclutarla nel team responsabile del film Ingannevole è il cuore più di ogni cosa. E a proposito di cinema: la sua perfida versione del 'sempreverde' Gloomy Sunday, inclusa originariamente nell’album da solista Queen Of Siam, era nella colonna sonora del controverso The Blair Witch Project. Proprio il ramificarsi multiforme del suo talento ha reso col tempo Lydia Lunch figura di culto su scala planetaria. Anzitutto in musica, con collaborazioni che via via l'hanno vista accanto a Nick Cave, Sonic Youth e Einsturzende Neubauten. Ma pure in ambito letterario e cinematografico, con apparizioni frequenti in festival e rassegne. Una carriera densissima, a rappresentare la quale sono compendi antologici da lei stessa compilati. Esemplare in quel senso il romanzo a sfondo autobiografico Paradoxia: A Predator's Diary (con prefazione di Hubert Selby Jr., autore del classico Ultima fermata a Brooklyn), così come il recente doppio CD Deviations On A Theme.

Lydia Lunch I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Lydia Lunch?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Lydia Lunch
So Real It Hurts
So Real It Hurts
Paradoxia : diario de una depredadora
Paradoxia : diario de una depredadora
1983, 1984-86, 1987-90, 1991
1983, 1984-86, 1987-90, 1991
Bruise In Bloom
Bruise In Bloom

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Quando le montagne cantano
[26-08-2021]
C'era una volta il re fiamma
[24-08-2021]
La ragazza del treno
[17-08-2021]
Gianluca Gotto, nomade digitale
[14-08-2021]
L'ora più fredda
[13-08-2021]
Nomadland
[12-08-2021]
Mio fratello rincorre i dinosauri
[11-08-2021]
Old
[11-08-2021]
Leggi le altre News


Autori e film 24/09/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana