Recensioni libri

Nikolaj Gogol'

Nikolaj Gogol' biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Nikolaj Gogol'
Nikolaj Gogol'
Modifica bioCronologia

Nikolaj Vasil'evic Gogol' nacque a Sorocincy [Ucraina] nel 1809, da una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Nel 1828 si trasferisce a Pietroburgo. Entra nella carriera bu- rocratica. Grazie alla pubblicazione della prima parte delle "Veglie alla fattoria presso Dikan'ka" gli aprì le porte degli ambienti letterari pietroburghesi: conobbe Zukovskij e soprattutto Puskin .

La prima rappresentazione de "L'ispettore", nel 1836, lo convinse di aver totalmen- te fallito nei suoi scopi di scrittore, di essere preso solo come autore comico. Deluso e amareggiato, in preda a una profonda crisi, partì per l'estero: viaggiò per l'eu ropa, fu in Italia, soggiornò a Roma. Gli ultimi anni furono amareggiati dall'inquietudine sempre più profonda, malattie, reazioni negative dei critici. Aderì alla fede cristiana, e a posizioni sempre più filo-zariste. Andò in Terrasanta (1848), crisi mistica, morì il 21 febbraio 1852, a Mosca, tra atroci sofferenze.

Opere: i racconti
La sua prima opera pubblicata fu il poema Hans Küchelgarten, stampato a sue spese a Pietroburgo nel 1829. Fu un insuccesso. Nel 1831 uscì la prima parte di Veglie alla fattoria presso Dikan'ka: fu il suo vero ingresso nel mondo letterario pietroburghese. nel 1832 è la seconda parte, e la fama. "Veglie" è una raccolta di racconti ispirati al folklore, alle leggende e al mondo fantastico ucraino, trasformato nella fantasia gogoliana in utopistico universo semplice e spen- sierato, dove i rapporti umani hanno serenità, immediatezza, armonia.
Nel 1835 uscirono quasi contemporaneamente altre due raccolte: Mirgorod e Arabeschi.
"Mirgorod" comprende quattro racconti, è il seguito del discorso iniziato con "Veglie", ma il tono è completamente cambiato. L'uomo non è più libero e sereno, è calato nella storia, si scontra con la realtà sociale e i suoi conflitti, perde la spon taneità dei rapporti primordiali. Tra i racconti è Taras Bul'ba: siamo nell'Ucraina del XV secolo devastata da tartari e turchi, signoreggiata dai polacchi. I seminomadi cosacchi hanno dato vita alle orde guerriere degli Zaporoghi. Uno dei capi è il bellicoso Taras Bul'ba che insieme ai figli Ostap e Andrea guida con altri cosacchi l'assedio alla città di Dubno, per rappresaglia dopo recenti saccheggi polacchi. Sotto Dubno, Ostap è catturato e deportato a Varsavia: al suo orribile supplizio assiste non visto il padre, che giura vendetta: riesce a sollevare tutti i cosacchi, e semina la strage fino a Cracovia. Lo ferma il generale Potocki che lo condanna al rogo. Tra gli altri personaggi del racconto, quello del riflessivo comandante cosacco Kirdjaga.

"Arabeschi" riunisce saggi critici e tre racconti: La prospettiva Nevskij, Diario di un pazzo, e la prima redazione de Il ritratto. Essi saranno poi riuniti dopo la morte di Gogol' sotto il titolo comune di 'racconti di Pietroburgo'. Gogol' arriva alla radice vera del male, della corruzione, dell'infelicità umana. E' la città con la sua ambiguità , le sue apparenze pompose e le sue realtà disperate. I piccoli impiegati pietroburghesi si scontrano con una macchina spietata che li stritola: la burocrazia, il grado, a cui tutto viene sacrificato e da cui tutto dipende: felici tà, salute, ricchezza. L'unico modo per sottrarsi a questo scontro intollerabile è la morte ("Il ritratto") o la follia ("Diario di un pazzo"): solo così si può rivendicare il proprio diritto di esseri umani.
Oltre ai tre racconti di "Arabeschi", fanno parte dei 'racconti di Pietroburgo' Il naso e Il calesse, usciti nel 1836 sulla rivista «Il Contemporaneo» (diretto da Puskin). E Il cappotto, pubblicato per la prima volta nel 1842 (nel terzo volume delle opere).
"Il naso" è la storia dell'assessore collegiale Kovalev che una mattina si sveglia senza naso. Esce imbacuccato e vergognoso per la sua solita passeggiata, incontra il proprio Naso in alta uniforme da consigliere di stato, che con alterigia lo respinge e si allontana. Dopo molti tentativi di rintracciarlo, e molte congetture sull'autore del singolare furto, un gendarme riporta a Kovalev il Naso, acciuffato mentre tentava di espatriare. Un medico cerca invano di riappiccicare il Naso al suo posto. Il pro blema è risolto dal Naso stesso che spontaneamente ritorna sulla faccia di Kovalev. Il racconto è pieno di macchiette: tra queste, il barbiere Ivan Jakovlevic che trova il Naso in un panino all'inizio del racconto.
"Il cappotto", scritto da Gogol' nel 1837, è la storia di Akakij Akakievic Basmackin, uomo mite e solitario, bersaglio favorito dei colleghi d'ufficio, che lavora alla copiatura delle lettere in una divisione ministeriale. E' tanto povero che deve affrontare un anno di privazioni prima che il sarto Petrovic gli possa fare un bel cappotto nuovo. La felicità di sfoggiarlo dura un solo giorno: viene assalito per strada la sera stessa e derubato del cappotto. La polizia lo accoglie male, il 'pezzo grosso' cui si rivolge perché si interessi al suo caso lo scaccia, una colletta tra i colleghi va a vuoto. Akakij muore dopo pochi giorni di disperazione e di freddo. Ma il suo fantasma, che ha acquistato l'aggressività che gli era mancata in vita, comincia a vagare per le vie di Pietroburgo strappando i cappotti ai passanti (compreso al 'pezzo grosso').

Opere: le commedie

Nel 1836 andò in scena a Pietroburgo L'ispettore. Scritta in pochi mesi, fu la prima commedia che Gogol' portò a termine. Siamo in una città di provincia. Il podestà Skvoznik-Dmuchanovskij è informato del prossimo arrivo di un ispettore del governo, probabilmente in incognito. I corrotti notabili del paese, il giudice Ljapkin-Tjapkin, il direttore scolastico Chlopov, Zemljanika sovrintendente alle opere pie ecc., scambiano per il misterioso ispettore un giovane impiegato pietroburghese, Chlestakov, di passaggio in città. Chlestakov è invitato a casa del podestà, soffocato di omaggi, allettato da offerte di denaro prima timide e poi sfacciate. Capisce l'equivoco, aiutato dal servo Osip che, nelle situazioni pratiche è più astuto del padrone, e sfrutta più che può la situazione. Parte proprio prima che l'uf ficiale postale apra, per inveterata abitudine, una sua lettera, scoprendo l'inganno. Intanto, viene annunciato l'arrivo del vero ispettore.
Nel 1833 aveva cominciato Vladimir di 3° grado, rimasta incompiuta e trasformata in una serie di atti unici: Il mattino di un uomo d'affari, Il processo, La stanza dei servitori, Frammento (vedi edizione delle opere del 1842).
Del 1833 è l'abbozzo di commedia I fidanzati, che più tardi rielaborò con il titolo di Il matrimonio. Essa uscì insieme alla commedia breve I giocatori nel 1842.
Il teatro gogoliano riprende il discorso dei racconti pietroburghesi. Non è l'uomo a essere malvagio ma la società che lo rende così . Non è Chlestakov a spacciarsi per ispettore ma la corrotta burocrazia della piccola provincia russa a imporgli quel ruolo. Alla fine c'è sempre il rovesciamento: arriva il vero ispettore, fugge il fidanzato ne "Il matrimonio", si scopre l'inganno dei bari ne "I giocatori". Una specie di moralità che porta alla punizione dei colpevoli, o per lo meno allo smascheramento dell'inganno. Attraverso il riso Gogol' vuole indicare ai contemporanei una strada per modificare, rimuovere, correggere l'ingiustizia il sopruso la violenza che domina l'esistenza.

"Le anime morte"

In viaggio per l'europa iniziò a scrivere Le anime morte, su cui scrisse soprattutto durante il soggiorno romano. L'idea era quella di comporre un poema in tre canti, di tipo alighieriano: la prima parte avrebbe dovuto rappresentare l'inferno, cioè la situazione contemporanea di violenza e corruzione; poi un purgatorio (rimasto incompiuto e distrutto dall'autore) e un ipotetico paradiso dove si sarebbero messi in luce gli aspetti positivi della Russia. Il primo volume uscì nel 1842, suscitando l'entu siasmo della critica e del pubblico.
La storia è quella di Pavel Ivanovic Cicikov che viaggia attraverso la Russia comprando a poco prezzo le «anime morte», cioè i nomi dei contadini («anime» nella russia zarista) morti dopo l'ultimo censimento e sui quali i proprietari erano tenuti a pagare la tassa governativa fino al censimento successivo. Il suo piano è quello di servirsi di quelle «anime» vive solo per legge, per ottenere le assegnazioni di terre concesse a chi dimostrava di possedere un certo numero di servi della gleba. Il romanzo è un vasto affresco della Russia rurale e provinciale: proprietari, case, locande, cocchieri, contadini, notabili di provincia. Spiccano tra i molti personaggi i proprietari con cui Cicikov tratta: lo sdolcinato pigro e distratto Manilov, la vecchia avida e calcolatrice Korobocka, l'invadente beone e mitomane Nozdriov che è l'unico che intravede la truffa e non gli vende le «anime morte», Sobakevic uomo alla buona ma accorto negli affari, l'avarissimo Pliuskin. Cicikov riesce a passare a un certo punto per milionario nella piccola città dove dimora, viene adulato, vezzeggiato, ogni porta gli è aperta. lentamente affiora la verità e Cicikov si affretta a partire.
Della seconda parte rimangono solo frammenti, in cui meno fosco è il quadro dei difetti e dei vizi russi.
Il filo conduttore di tutto il romanzo, come di tutta l'opera gogoliana, è l'ossessione, l'orrore per la forza demoniaca del denaro, capace di far fare qualsiasi cosa agli uomini. I personaggi sembrano non avere speranza di salvezza e neppure di aiuto. La loro cristallizzazione è compiuta. Ne deriva il giudizio d'insieme sulla società russa del tempo, che diventa simbolo della società umana: tutto concorre a impedire lo sviluppo delle autentiche qualità dell'uomo, tutto determina e accelera il processo di degenerazione spirituale cui l'uomo è già per sua natura predisposto. Tutta l'opera è accompagnata da un motivo costante, già presente con forza lirica nelle "Veglie": la descrizione precisa, lucida, ma anche commosso e esaltata, della terra russa: senza un nome di città o di villaggio, una specie di sconfinato rifugio dalle meschinità e dalle miserie degli uomini.

Ultime opere

Pochi mesi dopo il primo volume de "Le anime morte", Gogol' fece uscire i quattro volumi delle Opere (1842). Nonostante il consenso di lettori e critici, la sua salute psichica e fisica erano ormai compromesse. Cercò di riprendere il lavoro sul secondo volume de "Le anime morte", angosciato dal bisogno di trasfor mare il proprio lavoro di scrittore in missione redentrice, capace di risvegliare le forze spirituali del lettore. Insoddisfatto di quanto scritto, nel 1845 bruciò il manoscritto del secondo volume.
Pubblicò Brani scelti della corrispondenza con gli amici (1846): raccolta di pensieri, osservazioni e massime letterarie, piene di moralismo sermoneggiante e con la preoccupazione ossessionante di agire in senso edificante sul lettore. La reazione della critica radicale, che fino ad allora aveva visto in lui il più coraggioso esponente della letteratura non allineata, fu violenta: Belinskij scrisse una famosa lettera aperta dove denunciò l'involuzione dello scrittore e la sua assunzione di posizioni filo-ortodosse e filo-zariste.

Realismo e visione

Contemporaneo di Puskin , Lermontov, Griboedov, quelli che oggi sono considerati (con Gogol') come i maggiori scrittori russi della prima metà del XIX secolo, Gogol' seppe conquistarsi un posto del tutto autonomo nella letteratura russa. Ebbe un influsso determinante nella formazione di tutta la generazione di prosatori della seconda metà del XIX secolo. A Gogol' si ricollegarono gli scrittori della "scuola naturale" (come la definì *V.G. Belinskij , attribuendone la fondazione proprio a Gogol') e del realismo successivo, mentre gli aspetti visionari e arealistici non ebbero conseguenze. A questi elementi si ricollegarono invece agli inizi del novecento A.M. Remizov e A. Belyj .
Sullo stile di Gogol' esiste una vastissima bibliografia, con contributi spesso di eccezionale valore (*Mandel'stam 1904, *Vinogradov 1926, *Belyj 1934 ecc.). Gogol' è assolutamente originale nella descrizione realistica: da una congerie di particolari affastellati e apparentemente neutri, ne balzano fuori alcuni ingigantiti, deformati, che gettano sul brano una luce grottesca inattesa. Gogol' usa neologismi, una ricchissima aggettivazione, usa frequentemente ucrainismi, mescola vari strati linguistici, iperboli, ripetizioni, fa germogliare immagine da immagine: i suoi procedimenti retorici sono scomponibili, ma la loro fusione nella narrazione porta a qualcosa di nuovo, originale, inedito.

Da Antenati

Nikolaj Gogol' I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Nikolaj Gogol'?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Nikolaj Gogol'
Anime morte
Anime morte
L'ispettore generale
L'ispettore generale
Le anime morte
Le anime morte
Il naso
Il naso
Il cappotto
Il cappotto
Racconti di Pietroburgo
Racconti di Pietroburgo
La notte di Natale
La notte di Natale
Le anime morte
Le anime morte
L'ispettore generale-Il matrimonio-I giocatori
L'ispettore generale-Il matrimonio-I giocatori
Il cappotto e Il naso
Il cappotto e Il naso
Le Anime Morte
Le Anime Morte
Diario di uno sciocco. Il mio primo Gogol'
Diario di uno sciocco. Il mio primo Gogol'
Il Cappotto: Short Stories
Il Cappotto: Short Stories
Roma
Roma
Le anime morte (Classici tascabili)
Le anime morte (Classici tascabili)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 26/04/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana